Orizzonti - Dic. ’07

Cari amici,

Ecco alcuni pensieri proposti dal Cardinale Schönborn ai Cardinali del Comitato di Patronaggio il 22 novembre, in una sala degli Archivi Segreti del Vaticano :

“Possiamo considerare i discorsi di Giovanni Paolo II a Cracovia nel 2002 come un testamento. Là il Papa ci parlava dell’urgenza di far conoscere a tutti gli uomini la Divina Misericordia. Egli ha anche affidato il mondo alla Misericordia. Poi ha invitato tutti a diventare testimoni e apostoli della Misericordia.

Chiaramente il Signore ha dato una risposta impressionante a questa chiamata. Egli ha fatto tornare da lui Giovanni Paolo II proprio la domenica della Divina Misericordia nel 2005. Era come una firma, un sigillo.

Al ritiro internazionale di Lagiewniki nel 2005 , 150 sacerdoti sono venuti dal mondo intero. E noi ci siamo posti la domanda : come rispondere a questa chiamata ? Come continuare ?

E’ maturata l’idea di un Congresso mondiale. Questa è stata accolta in maniera internazionale a tutti i livelli, suscitando un grande interesse popolare, teologico e spirituale.”

Così il Congresso mondiale di Roma e la seguenza dei Congressi locali successivi intendono essere una risposta ecclesiale universale alla chiamata di Giovanni Paolo II a Cracovia (nella prospettiva di “Deus est caritas”). Tutta la Chiesa è chiamata ad elaborare dei programmi pastorali in termini di Misericordia.

Difatto i Comitati continentali e nazionali, installati dap p ertutto nel mondo, attorno a coordinatori, molto spesso scelti direttamente dalle Conferenze episcopali, sono chiamati a fare giungere questa chiamata e questo invito a tutti, a tutte le realtà di Chiesa, facendosi tutto a tutti. Così i coordinatori, per riprendere una espressione del Cardinale Rylko, “devono garantire l’universalità”.

In questo, lo spirito di povertà di Santa Faustina dovra ispirarci tutti : farsi servi di un progetto che ci sovrasta.

Spesso i Coordinatori sono situati in una realtà ecc le siale particolare : sono religiosi, appartengono ad Associazioni, Movimenti… Che ricchezza !… Eppure essi sanno dare importanza ad ogni istanza e valorizzarle tutte, aldilà delle proprie simpatie :  parrocchie, servizi diocesani, istituti di vita consacrata, comunità nuove, altre associazioni… Nessuna prevale, ma tutt e sono chiamate a collaborare, poichè la Misericordia è il Tesoro di tutta la Chiesa.

Evidentemente nessun gruppo potrebbe pretendere averne l’esclusività. I Comitati di coordinazione hanno un cuore universale. Nessuno approfi t terebbe di questo suo ruolo per farne approfittare prima il suo gruppo. La Misericordia è credibile, nella misura in cui non viene monopolizzata. Che splendida testimonianza alla Misericordia nelle favelas di Sao Paolo ! Che meraviglie fra i bambini poveri di Bangalore ! Che lezione per noi ci viene da parte dei gruppi parrocchiali di Manila vivendo nei quartieri più poveri ! La Misericordia viene vissuta, essa si fà piccola e povera, essa restaura la diginità dei nostri fratelli in umanità, essa procura un nuovo tipo di comunione, essa dinamizza la missione.

In questo modo, lo scopo del Congresso è di ricevere e di condividere il Dono di Dio con tutti, di meravigliarsi delle esperienze della Misericordia vissut e dall’altro, e di proporla a tutti da testimoni. Non è di creare una federazione di gruppi che per il fatto stesso escluderebbe altri. La Misericordia è di tutti. Noi vogliamo prenderne più coscienza !… Vogliamo essere più motivati da essa in tutte le nostre attività, in tutti i nostri progetti !…

Questo Congresso sarà davvero la Festa della Chiesa, l’Epifania dell’Amore incondizionale di Dio, del suo impegno per l’umanità ; esso sarà fermento di comunione e dinamismo per la Missione, arrichimento dei carismi e ministeri. Ora si comprendono bene le parole di Don Stanislao Dziwisz (Cardinale Arcivescovo di Cracovia) : questo Congresso era il sogno di Giovanni Paolo II !…

Il Signore venga a noi con la sua pienezza : la Misericordia !

A tutti, su tutti i continenti, Auguri di Buon Natale ! 

P. Patrice Chocholski - Coordinatore Generale